“STORIE DI CANTINA” – Viaggio tra i produttori del #Molise Cantine D’Uva, Larino (CB)

Category: news Written by Umberto Di Giacomo / August 30, 2019

Erano gli anni ’40 e nonno Angelo passeggiava tra i filari osservando le sue “creature”, curando le viti come se fossero delle figlie. L’amore che ci metteva era talmente intenso che è “travasato” nelle generazioni successive, prima a suo figlio Sebastiano, titolare dell'azienda a cavallo degli anni ’60 e ’70, e poi al nipote Angelo, l’attuale proprietario, che dal 2001 ha in mano le redini delle Cantine D’Uva di Larino (CB). È con lui che è stata avviata la trasformazione diretta delle uve e la produzione di vini Doc e Igt.

 

La cantina si trova in una zona interna del Molise, a Larino, città d'arte romana e medievale, alla confluenza dei bracci minori di antichi tratturi, su dolci declivi che guardano verso il mare. Venti ettari vitati a circa 250 metri, terreno di origine argilloso calcareo, ricco in ciottoli, con una densità di impianto di 4.500 ceppi per ettaro. La vite è allevata a controspalliera, con potatura Guyot. Da D’Uva tutte le operazioni colturali sono realizzate in modo da garantire il naturale equilibrio vegeto-produttivo con rese molto basse. La vendemmia manuale consente una raccolta delicata e la selezione dei grappoli migliori, la fermentazione in piccoli tini di acciaio inox o in rovere garantisce una ottimale estrazione del colore e la conservazione dei profumi. L’affinamento avviene in bottaia, a temperature e livelli di umidità controllati, con il solo utilizzo dell’energia geotermica proveniente dal terreno circostante. Nel segno della riscoperta e della valorizzazione del territorio, Angelo D’Uva ha voluto reimpiantare e vinificare la Tintilia, varietà autoctona molisana, ma la produzione spazia tra i rossi Montepulciano e Cabernet Sauvignon e tra i bianchi Trebbiano, Malvasia, Falanghina, e Moscato Reale.

 

L’azienda non è solo vino: ci sono laboratori didattici, tour operating, orti dei profumi, agriturismo e una fattoria didattica. Altro tratto distintivo è la sostenibilità ambientale: l’energia impiegata per tutte le attività è interamente prodotta da fonti realmente rinnovabili senza nessun impatto sull’ambiente. Le cantine D’Uva dispongono infatti di un impianto geotermico, di un impianto fotovoltaico, nonché di un impianto solare termico. Tutte le strutture, inoltre, sono isolate termicamente dall’ambiente esterno in modo da mantenere una temperatura sempre costante in cantina e nei luoghi di stoccaggio dei nostri vini. Sostenibilità anche sul versante produttivo. È praticata la riqualificazione del territorio mediante la pratica dell’inerbimento e dell’interramento di piante azotanti; nel vigneto viene applicato il metodo della lotta integrata; i grappoli del diradamento non vengono gettati, ma recuperati per ottenerne un nuovo vino; la vinaccia in parte viene distillata e in parte utilizzata come fertilizzante nei campi; vengono riutilizzate le vecchie barrique.

Thank for sharing!

About The Author