Sante Lancerio, il primo sommelier della storia

Category: news Written by Umberto Di Giacomo / July 2, 2019

Alessandro Farnese, passato alla storia come Papa Paolo III, è stato Pontefice dal 1534 al 1549. Nei quindici anni trascorsi in Vaticano ha avuto come stretto collaboratore un tipo di nome Sante Lancerio. Storico, geografo, ma soprattutto incaricato dell’approvvigionamento del vino di sua santità.

Era il bottigliere del Papa e a lui dobbiamo una recensione di 53 vini, che lo rende, senza ombra di dubbio, il primo intenditore del settore. O, meglio, il primo sommelier della storia. Sante Lancerio fu infatti il primo a trascrivere una serie di vocaboli, ancora oggi usati da enologi e degustatori, quali “tondo, fumoso, possente” per definire il gusto di un vino o “incerato, dorato” per classificarne il colore. In una lettera indirizzata a Guido Ascanio Sforza spiegò poi l’importanza di analizzare il retrogusto e il profumo dei vini, giudicando varietà italiane quali Malvasia, Greco d’Ischia o Nobile di Montepulciano, ancora oggi tra le più amate. Inoltre, dobbiamo proprio al bottigliere la testimonianza di un tentativo di accostare vini e pietanze nel Rinascimento, prototipo della successiva enogastronomia. 

Thank for sharing!

About The Author